Eccoci finalmente tornati al nostro appuntamento mensile con il Journal Club!
È ormai un anno che questa nostra iniziativa va avanti permettendoci di aggiornarci e di tenere il passo con la letteratura medica, sempre in continuo fermento.

Cos’è e da dove nasce il nostro Journal Club?

Prendendo spunto dall’esperienza fatta negli Stati Uniti, abbiamo deciso di riproporre l’idea del Journal Club, con alcune modifiche.
Infatti invece di assegnare, come per esempio avveniva alla Duke University, articoli ortopedici a scelta su vari argomenti, abbiamo preferito andare per tema.
I nostri temi si concentrano sempre molto sulle patologie di piede e caviglia: dalla protesi di caviglia, alla sindrome pronatoria , ai danni cartilaginei.
Lavorare fianco a fianco con i nostri colleghi super-specialisti nella chirurgia ortopedica di anca e ginocchio, ha allargato ulteriormente i nostri orizzonti spingendoci a porci nuovi interrogativi per studiare in che modo interagiscano l’articolazione sottoastragalica e la caviglia  con il ginocchio e l’anca.
Il tema di quest’ultimo Journal Club tratta nuovamente un argomento di carattere “generale”.
Questa volta ho chiesto a Claudia di essere la nostra direttrice d’orchestra per questo Journal Club di ottobre!

Il tema scelto è stato: Allergia ai metalli e protesi.

Essendo la letteratura carente in materia di protesi di caviglia e allergia ai metalli, abbiamo spostato la nostra attenzione su quanto avviene nelle altre articolazioni principali: anca e ginocchio.
Ad iniziare è stata Claudia con l’articolo: “Biomaterial Hypersensitivity: Is It Real? Supportive Evidence and Approach Considerations for Metal Allergic Patients following Total Knee Arthroplasty
Quindi Camilla, parlandoci della diagnosi differenziale tra allergia ai metalli e infezioni periprotesiche: “Metal Implant Allergy as a Differential Diagnosis of Periprosthetic Joint Infection
Jacopo ci ha esposto quanto riportato nella systematic review “Evaluation and Management of Metal Hypersensitivity in Total Joint Arthroplasty
Riccardo invece ha analizzato i risultati a 2 anni di uno studio prospettico sulle protesi di anca e ginocchio: “Allergy to orthopedic metal implants – Prospective Study“.
Federico Luini: a te è stato dato il compito di parlarci dei mid-term results in protesi di ginocchio anallergiche “Total knee arthroplasty in patients with hypersensitivity to metals” e dei benefici dei coated implants rispetto ai uncoated “Metal hypersensitivity and metal ion levels in patients with coated or uncoated total knee arthroplasty: a randomised controlled study
Doppio articolo anche per Luigi: esiste una relazione tra l’allergia ai metalli, la durata dell’impianto e il tasso di revisione delle protesi di ginocchio? Approfondimento con “Sensitivity to implant materials in patients with total knee arthroplasties” e “The association between metal allergy, total knee arthroplasty, and revision“)
Per concludere Cristian che ci ha parlato di come comportarci con un paziente allergico prima, durante e dopo la chirurgia “Pragmatic approach to the clinical work-up of patients with putative allergic disease to metallic orthopaedic implants before and after surgery

Le conclusioni del nostro Journal Club

I risultati di questi studi sono molto contrastanti tra loro. Non vi è ancora chiara evidenza su come sarebbe più corretto procedere in caso di paziente allergico ai metalli. Secondo alcuni studi sarebbe necessario ricorrere a protesi anallergiche in pazienti intolleranti ai metalli, altri lavori concludono esattamente l’opposto. Non vi è comune accordo neanche sugli esami da eseguire per porre diagnosi di allergia certa ai metalli.
Questo tema deve essere ulteriormente approfondito in tutti gli ambiti della chirurgia protesica: caviglia, ginocchio, anca.
Con il solito entusiasmo ci diamo e vi diamo appuntamento al mese prossimo con un nuovo tema che sarà focalizzato sulla caviglia!

Scrivimi ora