Il nostro mensile appuntamento scientifico, è diventato per la mia équipe – e per me – una parte fondamentale del nostro lavorare insieme.
È un momento nel quale, da oltre 2 anni ormai, ci riuniamo davanti a un aperitivo o a una pizza, per aggiornarci e confrontarci riguardo a tematiche scientifiche.
Quasi sempre ci siamo occupati del piede e della caviglia, prendendo spunto dalla nostra pratica clinica o da pubblicazioni scientifiche, ma spesso abbiamo anche approfondito altri distretti come l’anca e il ginocchio, per studiare come le patologie di tutto l’arto inferiore si ripercuotano sulla caviglia e sul piede.
Per questo, passate le vacanze estive, è il momento di incontrarci per approfondire i temi a noi cari, fare il punto sulle attività in corso e su quelle future, e soprattutto pianificare le importanti novità che ci aspettano per il 2018!
Infatti, anche se l’aggiornamento sulla caviglia e sul piede resta sempre al centro dei nostri appuntamenti, abbiamo compreso quanto importanti siano le nostre riunioni dal punto di vista del confronto con i colleghi, dello scambio di conoscenze, dalla condivisione delle proprie esperienze lavorative.
Partendo da queste premesse, volendo continuare ad approfondire temi scientifici ma allo stesso volendo coinvolgere altri colleghi su queste modalità di formazione e condivisione, è nata l’idea di ampliare e rinnovare le modalità del Journal Club già a partire dall’inizio del prossimo anno.
Il nuovo Journal Club si svolgerà infatti secondo un calendario di eventi accreditati ECM, consentendo la partecipazione di un numero maggiore di persone e diventando quindi un’opportunità ancora più importante di aggiornamento e confronto.
Ma passiamo adesso ad introdurre i temi che analizzeremo durante il Journal Club di Ottobre.
I primi due articoli, recentissimi e pubblicati su Foot and Ankle International, che prenderemo in esame sono di Beat Hintermann e trattano le osteotomie sopramalleolari.
morbo-haglund-usuelli


  • Nel primo articolo Hinterman propone una doppia osteotomia per il trattamento del varismo di caviglia:

Novel Double Osteotomy Technique of Distal Tibia for Correction of Asymmetric Varus Osteoarthritic Ankle [Luigi]


  • Il secondo, invece, analizza un altro importante aspetto: Può un’osteotomia sopramalleolare di tibia essere una valida alternativa alla revisione, nelle protesi di caviglia non adeguatamente bilanciate?

Supramalleolar Osteotomy for Tibial Component Malposition in Total Ankle Replacement [Cristian]


  • Sappiamo bene che un’artrodesi induce maggiori stress e l’usura precoce delle articolazioni circostanti, diversamente a quanto avviene preservando il movimento con la protesi, ma come si comportano in dettaglio le articolazioni del piede? Questo studio analizza dal punto di vista biomeccanico le differenze tra pazienti trattati con protesi di caviglia vs artrodesi vs un gruppo di controllo sano ad un anno di follow-up.

Comparison of Multisegmental Foot and Ankle Motion Between Total Ankle Replacement and Ankle Arthrodesis in Adults [Camilla]


  • Ci troviamo frequentemente a trattare, in ambulatorio e in sala operatoria, pazienti con instabilità cronica di caviglia. Quali sono i parametri da considerare nel pianificare la strategia terapeutica ottimale e quali esami imaging ci danno più informazioni a riguardo?

Comparison of Magnetic Resonance Imaging and Stress Radiographs in the Evaluation of Chronic Lateral Ankle Instability [Jacopo]


  • Prendiamo spunto dal caso recente di un paziente che abbiamo sottoposto a protesi di ginocchio e caviglia in one step. Non esistono in letteratura lavori che studino i due interventi eseguiti insieme, ma i pazienti anziani sono frequentemente affetti da artrosi polidistrettuale. L’articolo da analizzare propone un’osteotomia tibiale alta per correggere il malallineamento dell’arto inferiore, ma può tale intervento essere un’alternativa valida alla doppia artroplastica?

Clinical results of a valgus high tibial osteotomy for the treatment of osteoarthritis of the knee and the ipsilateral ankle [Riccardo]


6)Infine, ultimo ma non per importanza, Myerson in questo recente studio su Foot and Ankle Clinics ci parlerà di sindrome pronatoria stadio IV: management delle lesioni del legamento deltoideo.

Deltoid Ligament Repair in Flat Foot Deformity [Claudia]


Buon weekend a tutti!
Federico

Scrivimi ora