L’alluce valgo è solo un piccolo difetto da curare il prossimo autunno.

Esporre maggiormente il proprio piede d’estate è, per una donna, sia questione di vanità che di pratica comodità. Indipendente dal motivo, convivere con una patologia antiestetica e fastidiosa qual è l’alluce valgo non è certo facile. L’estate per quelle donne che ne sono affette e ne soffrono può essere un momento di riflessione, una buona ragione per programmarne la soluzione nei futuri mesi autunnali ed invernali.

L’alluce valgo e le nuove tecniche operatorie

Oggi, grazie a moderne tecniche mini-invasive, a nuovi strumenti a disposizione del chirurgo ed a nuove prassi anestesiologiche meno invasive che consentono un ottimo controllo del dolore nel post-operatorio, l’intervento per la correzione di questo problema comune risulta molto meno “traumatico” per la paziente, con la garanzia di un ritorno quasi immediato alla propria quotidianità dopo soli 4-5 giorni di riposo (4 settimane per guidare l’auto, 6-8 settimane per tornare ad indossare calzature con tacco).

Un trucco per avere una ripresa più veloce

Un piccolo consiglio invece per tutte coloro che dopo un intervento correttivo di questo genere possono godere di una meritata vacanza al mare: sfruttate l’effetto terapeutico dell’acqua per recuperare un passo fisiologico.

Scrivimi ora