A marzo si conclude la fellowship in Chirurgia della Caviglia e del Piede da me diretta presso l’IRCCS Galeazzi a Milano.

Cos’è il fellow in Italia?

Si tratta del primo modello educativo italiano destinato a giovani chirurghi e modulato sul sistema di ‘fellowship’ americano.

Il progetto mira alla creazione di un network di iper–specialisti medici, mediante la possibilità di effettuare delle esperienze pratiche all’indomani della scuola di specializzazione.

L’obiettivo è di far acquisire loro competenze e capacità chirurgiche, in un ambito iper-specialistico come quello di piede e caviglia, sviluppando anche competenze scientifiche che si traducano in almeno una pubblicazione indicizzata su pubmed.

Durante i sei mesi di fellowship il giovane medico viene inserito nel programma pratico che consiste in giornate di sala operatoria, dove ha la possibilità di fare ampia esperienza nell’ambito della chirurgia di protesica della caviglia di cui vantiamo la casistica più ampia in Italia. Altre importanti attività a cui il fellow può dedicarsi sono quella scientifica e ambulatoriale, sempre a contatto con il paziente.

Questo percorso formativo mira a completare l’educazione dell’Università ma calato nel mondo del lavoro. Al termine della fellowship il giovane neo-specializzato avrà acquisito una competenza approfondita e pratica nell’ambito del piede e della caviglia. Questo tipo di educazione è indicata per il medico che vuol far carriera: può aggiornarsi sulle metodiche più innovative e imparare ad affrontare i casi più complessi.
fellow-valore-percorso-gruppo-compressor

Cosa ne pensa il nostro fellow Dr. Andrea Pantalone?

Ecco il saluto del fellow Dr. Andrea Pantalone che ha vinto la prima fellowship appena conclusasi.
Milano, 18 Febbraio 2016

 Pochissime settimane alla fine della mia fellowship all’Istituto Ortopedico Galeazzi sotto la guida del Dottor Usuelli. Sono già passati piu di 5 mesi dal mio arrivo a Milano con mille dubbi e preoccupazioni: la scelta di investire del tempo in una formazione post-specializzazione mi sembrava un pò rischiosa.
Ora, che sto per concludere il mio percorso, riconosco l’indubbio valore, non solo lavorativo, di questa sorprendente e fondamentale esperienza per me. L’opportunità di collaborare con un’equipe così all’avanguardia nella chirurgia del piede e della caviglia, giorno dopo giorno, ha allontanato qualsiasi dubbio.
Attività chirurgica, controlli accurati dei pazienti nel post-operatorio e a più lunga scadenza negli ambulatori dedicati, la ricerca scientifica e le molte altre occasioni di apprendimento e perfezionamento mi hanno aiutato a curare con sempre più attenzione e metodo rigoroso la mia identità lavorativa.
Grazie a tutti i componenti dell’Unità Specialistica Piede e Caviglia dell’Istituto Ortopedico Galeazzi, ma soprattutto grazie Federico!
– Andrea Pantalone –

Scrivimi ora