In questo articolo parliamo in dettaglio di:

Introduzione

Il progetto FARG prosegue ed è già al suo terzo appuntamento.

È un progetto che è nato con l’obiettivo di favorire la diffusione della conoscenza in un ambito particolare, il nostro: caviglia e piede.

Oggi, a dire il vero, esistono Società Scientifiche, riviste scientifiche, portali on-line dedicati. Indubbiamente, la necessità di continuare ad imparare è viva e già esistono strumenti per soddisfarla.

Obiettivamente, il sapere si evolve con la tecnologia e diventa sempre più specifico. Questo è un bene.
Torna in cima

La vision del F.A.R.G.

medici-discutono-la-dimissione-del-paziente-min

Oggi sempre più pazienti hanno accesso a cure migliori, inimmaginabili in passato.

D’altro canto, talvolta, questa super-specializzazione, che, in Chirurgia, è un valore, può rendere difficile il confronto tra professionisti di ambiti molto vicini, che nella loro settorialità si allontanano.
Torna in cima

La mission del F.A.R.G.

dr-federico-usuelli-ricerca-scientifica-al-tavolo-min

Il nostro lavoro, però, ed i nostri pazienti hanno bisogno di questo dialogo.

Ecco nascere l’idea di FARG: permettere un incontro ai professionisti della Traumatologia con i protagonisti della ricostruzione e della gestione dei postumi dei traumi che colpiscono caviglia e piede.

L’altra anima di FARG è quella di favorire un confronto senza gerarchie, dove grandi esperti e giovani medici siano liberi di incontrarsi con confidenza, mettendosi sullo stesso piano.

Questa è la chiave dell’apprendimento.

È quello che ho imparato negli Stati Uniti, nel mio periodo di lavoro e studio alla Duke University: il metodo!

È, quindi, per me, un onore ed un binomio naturale avere come ospite il Prof. James Keith Deorio, mia guida nel periodo alla Duke.

Un uomo che all’apice della sua carriera trovava il tempo di passarmi a prendere personalmente sotto casa per portarmi ad operare con lui, quotidianamente. Un uomo che mi invitava a prendere un aperitivo o a cena con la sua famiglia per farmi stare bene, e, perché no, per discutere ancora un po’ di lavoro.

Da Jim ho imparato tante cose a cui oggi penso quando sto operando, ho appreso tanti gesti chirurgici e la tranquillità di gestire l’imprevisto dietro l’angolo. Spero di aver imparato anche come trasmettere quello che la mia professione ed i miei pazienti mi insegnano ogni giorno.

Grazie Jim, oggi per me è un onore averti come ospite internazionale al FARG!

L’appuntamento è il 24/07/2018 presso lo Sheraton Diana Majestic, a Milano: scarica il programma del Journal Club

Torna in cima

Scrivimi ora