Sindesmosi

Come ogni mese anche a Febbraio ci siamo riuniti per il nostro Journal Club! Il tema di quest’incontro è stato, a differenza delle volte precedenti, un tema topico per l’ortopedia in generale, che ogni ortopedico si può trovare ad affrontare nella sua pratica quotidiana: la sindesmosi, ovvero il punto di giuntura tra tibia e perone a livello della caviglia.
Questo però per noi è un tema particolarmente importante e ci interessa molto da vicino. Infatti questa struttura viene interessata ogni volta che procediamo all’esecuzione di una protesi di caviglia con accesso laterale.
Gli articoli selezionati sono stati molti, in modo da poterci dare una reale idea complessiva su questo vastissimo argomento.
Un altra novità di questo Journal Club sono due nuovi arrivati: Federico da Roma e Jacopo da Varese!
Siamo felici di averli con noi e di poter lavorare tutti insieme cercando ogni volta di migliorarci.

Le letture sulla sindesmosi

Partiamo proprio da Jacopo il più giovane del gruppo! Come fatto anche nei precedenti incontri ci piace avere le idee chiare e partire da principio. È quindi fondamentale un cenno di anatomia.
Jacopo ci ha parlato quindi dell’anatomia della sindesmosi attraverso l’articolo:
– Ankle Syndesmosis: A Qualitative and Quantitative Anatomic Analysis, Am J Sports Med 2015 Williams BT et al.
Riccardo ha proseguito aiutandoci nella classificazione delle lesioni che possono coinvolgere questa specifica articolazione:
– Classification and diagnosis of acute isolated syndesmotic injuries: ESSKA AFAS consensus and guidelines. KSSTA 2015
Luigi ha dovuto analizzare e diversificare l’evento acuto dal cronico studiando gli articoli:
– Acute and Chronic Syndesmosis Injuries: Pathomechanisms, Diagnosis and Management. Espinosa N et al. Foot Ankle Clin N Am 2006
– The Lambda Sign: A New Radiographic Indicator of Latent Syndesmosis Instability Paul Ryan et al FAI 2014
Camilla proseguendo l’ampia tematica delle lesioni acute VS cronache ha esposto l’articolo di Switaj, così da poter avere un quadro preciso e valutare eventuali differenze con il precedente articolo di Espinosa un po’ più datato (2006).
– Acute and Chronic Injuries to the Syndesmosis. Paul J. Switaj et al. Clin Sports Med 2015.
Andrea invece, si è addentrato maggiormente nei particolari chirurgici con una review sul trattamento chirurgico con viti:
– Syndesmosis screws: How many, what diameter, where and should they be removed? A literature review. Peek AC Injury 2014
Sempre analizzando da vicino il gesto chirurgico e i materiali a disposizione Claudia ha valutato il ruolo del Tightrope:
– Treatment of Syndesmotic Disruptions with the Arthrex Tightrope: A Report of 25 Cases Cottom JM et al. FAI 2008
– Comparison of screw fixation with elastic fixation methods in the treatment of syndesmosis injuries in ankle fractures. Seyhan et al. Injury 2015
Cristian ha approfondito un altro fondamentale tema che spesso l’ortopedico si trova ad affrontare: l’instabilità cronica della sindesmosi. Gli articoli da lui analizzati sono stati:
Delayed operative treatment of syndesmotic instability. Current concepts review. Niek van Dijk Injury 2008
Treatment of chronic syndesmotic injury: a systematic review and meta-analysis. Niek van Dijk & Karlsson KSSTA 2013
Ultima ma non ultima Miriam ha portato l’attenzione su una tipologia di paziente molto specifica e a noi molto cara analizzando il trattamento delle lesioni della sindesmosi nell’atleta professionista:
– Management of Syndesmosis Injuries in the Elite Athlete. Pearce CJ Foot Ankle Clin N Am 2013
Grazie come sempre per la vostra professionalità e precisione nell’esposizione degli articoli scelti e per il vostro entusiasmo.
Ancora ben venuti ai nuovi arrivati! È bello vederci crescere ogni giorno e ogni giorno di più!

Scrivimi ora